Cos’è l’Organizzazione Neurologica

Condividi: Facebook

Nel 2008 ho scritto questo testo in occasione dell’organizzazione del “Corso per Genitori di bambini Autistici” presso il D.M.I (Dipartimento di Matematica e Informatica) di Palermo, e ad oggi resta per me un “sunto” valido ed attuale sul concetto di Organizzazione Neurologica:

“L`Organizzazione Neurologica inizia durante il primo trimestre di gestazione e, se tutto procede senza troppi intoppi, giunge a compimento, nei suoi compiti basici, intorno al sesto anno di vita. L’Organizzazione Neurologica consente di far funzionare correttamente e coerentemente un individuo. Consente l’acquisizione, l’elaborazione e la produzione di tutti i dati necessari a potersi relazionare con se stesso, con l’ambiente e con i propri simili, consente di muovere il proprio corpo coerentemente, ricevere, filtrare ed elaborare in modo preciso ed appropriato tutti i dati che giungono dall’ambiente attraverso i sensi.
L’Organizzazione Neurologica riguarda ogni essere umano. Il suo arresto, dovuto a cause genetiche, insulti ambientali, traumi fisici, a malattie congenite, a lesioni cerebrali o di deprivazione di stimoli sensoriali, porta a disfunzioni comportamentali, metaboliche, di linguaggio, di apprendimento, posturali, sensoriali e di propriocezione. Attraverso un lavoro coordinato di organizzazione neurologica, metabolica, sensoriale, posturale e della struttura, è possibile ripristinare le funzioni di un individuo ed avviarle verso la normalizzazione. Allorché il sistema nervoso sarà ben sviluppato, organizzato e coordinato, si potranno riscontrare visibili o importanti recuperi, e talvolta anche la perdita stessa della diagnosi, laddove le condizioni lo consentano”. Nuni Burgio

 

[Grazie di cuore per la lettura. Se trovi utile questo articolo e pensi che possa essere utile anche ad altri, condividilo]
Author: Nuni Burgio
Ciao, mi chiamo Nuni, ho 57 anni e se debbo descrivermi, la mia mente si svuota e non so cosa scrivere. E’ uno dei tanti fastidi di uno sviluppo incompleto, ma chi se ne frega: a 57 anni puoi sempre dire che si tratta di vecchitudine incipiente...